Come scegliere il box doccia

Nel progettare un bagno la scelta del box doccia è cruciale: la decisione va ponderata attentamente, perché duri nel tempo. I canoni di scelta a cui riferirsi sono principalmente tre: le dimensioni del bagno, il budget a disposizione e il gusto personale.

La scelta del design è forse la più semplice: preferite una soluzione classica intelaiata o uno stile più moderno e minimal, senza profili? Non dimenticate inoltre la scelta del cristallo: potete optare per il classico vetro, ma anche per soluzioni alternative come una finitura satinata o colorata.

Pensate quindi al piatto doccia: potete sceglierne il colore, il materiale, la forma e il tipo di installazione (incasso, appoggio e filo pavimento). Le opzioni di personalizzazione sono veramente infinite.

Possiamo quindi passare alla scelta della tipologia di cabina doccia:

  • Nicchia: incassata nella parete permette di massimizzare gli spazi e creare un ambiente circoscritto e privato;
  • Angolare: disponibile in versione squadrata o semicircolare, è una soluzione comoda e accessibile, che dona all’ambiente un’atmosfera aperta e rilassante;
  • Centro parete: il box doccia diventa elemento fondamentale della stanza e ne permette una visione completa.

I vantaggi delle tre soluzioni principali:

  • Box doccia aperto: è adatto a chi ama uno stile minimal, i cui profili scompaiono e lasciano che l’attenzione si sposti sui rivestimenti o non consideri affatto la cabina doccia. Questo genere di apertura è di semplicissima pulizia e massimizza l’area doccia.
  • Box doccia con porta battente: è semplice da pulire, grazie allo spostamento della porta. È una soluzione particolarmente adatta a cabine doccia piccole e installate a nicchia, perché massimizza lo spazio di apertura.
  • Box doccia con porta scorrevole: la scelta di questa tipologia è indicata in casi in cui non vi sia abbastanza spazio per un’apertura a battente, minimizzando l’ingombro. Se installata a filo è la soluzione più ermetica.
  • Box doccia con porta a soffietto: similmente all’apertura pivot (a battente) questa soluzione è adatta a bagni piccoli, perché minimizza lo spazio.